La mitigazione del fenomeno delle isole di calore.

WED 04 2018

Il sistema Bitem CB-AR Green, il conglomerato ad alta riflettanza solare dalle alte prestazioni.

Il sistema Bitem CB-AR Green consente la mitigazione dell’effetto di isola di calore urbana e la sua efficacia è stata valutata con la misurazione periodica del valore dell’SRI - Solar Reflection Index (Indice di Riflettanza Solare), cioè la capacità di un materiale di respingere il calore solare: più l’indice è alto più la superficie esposta all’irraggiamento solare rimarrà “fresca”, ovvero avrà un basso innalzamento di temperatura.

 

Questo articolo vuole riprendere quanto già pubblicato sulla rivista (si veda “S&A” n° 120 Novembre/Dicembre 2016) e confermare l’affidabilità del sistema proposto circa la reale capacità di mitigare l’effetto di isola di calore urbana.
Il sistema Bitem CB-AR Green è un’efficace soluzione per i Progettisti e gli Enti Gestori del settore Urbanistica e di quello dell’Ambiente e Territorio, che garantisce:
• la gestione delle proprietà emissive di calore assorbito dalle pavimentazioni urbane, piste ciclabili e percorsi pedonali;
• la gestione dell’impatto ambientale dato l’alto pregio architettonico della pavimentazione.

IL SISTEMA BITEM CB-AR GREEN Il sistema Bitem CB-AR Green consente la mitigazione dell’effetto di isola di calore urbana e la sua efficacia è stata valutata con la misurazione periodica del valore dell’SRI - Solar Reflection Index (Indice di Riflettanza Solare), cioè la capacità di un materiale di respingere il calore solare: più l’indice è alto più la superficie esposta all’irraggiamento solare rimarrà “fresca”, ovvero avrà un basso innalzamento di temperatura.

LA MISURA DEL FATTORE DI RIFLESSIONE SOLARE E IL CALCOLO DEL FATTORE DI ASSORBIMENTO SOLARE A livello legislativo italiano, tramite il Decreto dell’11 Gennaio 2017 (GU n° 23 del 28 Gennaio 2017), il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha stabilito l’adozione dei criteri ambientali minimi per l’edilizia (CAM), allineandosi così alle strategie di tutela ambientale già diffuse a livello internazionale.
Per quanto riguarda l’SRI, nella sezione 2.2.6 relativa alla “Riduzione dell’impatto sul microclima e dell’inquinamento atmosferico”, per le superfici impermeabili è previsto l’uso di materiali ad alto indice di riflessione solare e, per ciò che riguarda le superfici esterne (per esempio percorsi pedonali, marciapiedi, piazze, piste ciclabili, ecc.), si richiede un indice SRI ≥ 29.
Un esempio di applicazione è riscontrabile dalla pavimentazione in esercizio nella Valle dell’Aterno, nella parte settentrionale della provincia de L’Aquila, dove sono stati prelevati diversi campioni; più precisamente:



Continua a leggere l' articolo pubblicato su “Strade & Autostrade” 2-2018